Contatti

martedì 11 aprile 2017

Vedute.

Vedo di fronte a me, da ogni lato

montagne e poi montagne

ammantate  di querce e di castagni

ricoperti di vischio

e là dove c'è un piano

 la terra ondeggia seminata a grano

in mezzo al verde, a destra e a manca

nascosta appare

qualche casetta bianca

che spia intorno e pare che sorrida. 

Un dirupo scosceso

lontano e cavo

è tutto cosparso

di ginestre fiorite.

I monti più lontani

più vicini alle stelle

sono tutti ammantati

di cerri e di pini.

Il cielo è tutto chiaro

e l'eco con una  voce 

dolce e accattivante

ripete ad ogni istante

in mezzo a quei dirupi

gridi di ragazzini

fischi d'uccellini.


  Traduzione di Antonio Coltellaro


sabato 8 aprile 2017

A papara grassa.

 A mmacra tavula
Sempre 'mparata,
Disse 'nna papara
tannu arrivata:
      - Ppecchì  'ssa povara
Nova patruna
Granu a strafijere
Sempre nne duna?
      E pecchì dormere
'mpace  nne lassa?
- Ca te vo' ttennara
Ca te vo' grassa-
  Povara papara!
Si' ddistinata,
St'autra duminica
Ppe' ra pignata.

                                 Ragazzano,  5 aprile 1922

lunedì 16 gennaio 2017

Stelle - Stille.


 Che tristezza e che pace
stanotte in terra e in cielo!
Il bosco sembra avvolto dentro un velo
d'ombre. La luna tace.
Ogni tanto una nuvola
le passa  davanti e poi  l'invola.

Una stella, lassù,  apre la  pupilla,
Lampeggia e poi s' oscura.
Tra tutte è quella che più brilla!
Ed   è anche  la più pura!

Ma un'altra più splendente
mi guarda  da una loggia spalancata.
E' una stella vivente.
Si chiama... Liberata.

sabato 14 gennaio 2017

A cuniglia e ra duonnula - The Rabbit and the Weasel


It was already close to the last week
When a pregnant she-rabbit
Dug herself a lair along a creek
in order to give birth.
She made it so shiny it seemed silvery
and at the bottom, with the hair
pulled from her breast, thread by thread,
she prepared a bed
Soft as the softest cotton finery,
Skillfully made to stimulate delivery.

mercoledì 11 gennaio 2017

Tutti uguali di V. Butera

Il vento tifone
non fa distinzione
tra foglie di rosa
e foglie di cardo.

Appena si scatena
le spazza in un baleno
senza darsi la pena
di porsi alcun freno.

Le invola a cento a cento
 in un solo momento
e ne fa un mulinello
come piume d'uccello.

E poi vi soffia intorno
portamdole qua e là
e non si cura punto
di stare a domandare
se sul cardo e la rosa
stavano a respirare.

 Trad di Antonio Coltellaro

lunedì 9 gennaio 2017

Tristizza

 Cumu campare ccu 'sta spaturnata
E maliditta de malicunìa?
Cchiù scura de 'na notte annuvulata
E' mmo 'sta vita mia!

Dduve fujire? E qquannu? intra qual'unna
Jìettu 'ste pene truvuli ed amare?
E' ra tristizza mia cchiù scura e funna
De 'nu funnu de mare!

sabato 12 novembre 2016

Donna Ginirusa

M'ha ddittu mastru 'Ntoni:
'A giuvintù de moni
E' ffatta de ricotta.
S'ammusciadi a 'nna botta.

Mmece 'sta vecchiarella
De pasta antica è ffatta;
Cummatte, s'arrabbatta
Cchiù  dde 'na quatrarella!



  13 giugno 1924

domenica 6 novembre 2016

Demografia

In quel di Soveria
S'avean tre parti all'anno
Con evidente danno
Della demografia.

Allora il Podestà,
per dare più incremento
Alla natalità,
Ebbe un'idea felice:
Licenziò per scarso rendimento
La levatrice!


4 maggio 1944

venerdì 29 aprile 2016

Essere e pparire

      Na facci d'ammazzata
De ciuccia scuontricata
Rumpiu nu capizzune
E se 'mpilàu 'nna pella de liùne.
     Deccussì stracanciata
Va vide chine pesta se cridìa.
E ppe' chissu, de l'arva a ra scurata,
A cchi scaccava e a chine purmintia.
    Ma 'na porca grattata
De vurpe, chi sinn'eradi addunata,
'Nu juornu, citu citu,
S'abbicinau e re disse; - Maistà,